Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies.

COMMONERS VOICES

Fame, cinema, bellezza. Roma «spiegata» ai migranti




Caro Migrante X, (se non sai – o non ti ricordi – perché ti chiamo così leggi qui) sono sicuro che nella tua vita ti sarà capitato di passare per Roma. Ma sì, sono quasi sicuro che tu hai vissuto, almeno un po’, nella città eterna. Allora forse puoi capire perché «spiegare» Roma è così difficile.

Questa città esiste da (quasi) sempre.

È stata il centro dell’Impero romano e contemporaneamente teatro di una delle «cadute» più rovinose di ogni tempo. È stata (ed è) il centro del potere cattolico; è ancora oggi la casa del papa (non so se mi spiego). È stata una città medievale misteriosa e «sanguinolenta» e poi un centro di potere rinascimentale e barocco pieno di pittori e congiure. Dopo l’Unità d’Italia è stata dichiarata, non senza polemiche, capitale del neonato Stato italiano. Poi, per ben venti anni, è stata il centro nevralgico della dittatura fascista e della sua retorica «imperiale». Subito dopo è stata una delle città in cui la Resistenza al nazifascismo è stata decisiva. Nel secondo dopoguerra Roma è stata un centro politico e culturale pieno di legislatori illuminati, politici corrotti, rivoluzionari, poeti e assassini, ladri e artisti, scrittori, prostitute, affaristi e mafiosi, terroristi di ogni colore e di ogni nazionalità, ricchi e poveri, belli e brutti, gialli, verdi e a pois.

Tante cose, tutte diverse.

Non proverò a spiegare nemmeno uno di questi passaggi, caro Migrante X, ma proverò a farti capire cos’è Roma oggi «passeggiando» attraverso quattro celebri film italiani.

1. Roma città aperta

Il film Roma città aperta racconta la storia di alcuni abitanti di Roma negli ultimi giorni dell’occupazione tedesca della città. È un film che ha fatto la storia in «tre sensi» almeno. È un film che «è storia» perché è girato durante gli ultimi giorni dell’occupazione nazifascista e racconta praticamente in diretta la liberazione della città. È un film che «è storia del cinema» perché inaugura il cosiddetto neorealismo (che ha segnato il cinema mondiale). Infine è un film che è «storia di Roma», storia della Roma antifascista e mito fondativo della città di oggi. Nel film sono descritte bene le forze potenti e le ataviche debolezze di Roma e dei romani (dei proletari certo, ma anche della sua borghesia pavida e nevrotica). Per quello che ci riguarda è importante che tu veda l’ultima scena:


I bambini che vedi (che durante il film hanno organizzato da soli un attentato dinamitardo contro i nazisti) e che ora piangono il prete antifascista giustiziato (un fenomenale Aldo Fabrizi) sono i romani che, da adulti, avrebbero  ricostruito la città rendendola una dei posti più belli e liberi d’Europa. Caro Migrante X, essi erano, ai tempi del film, il futuro di Roma e dell’Europa.

2. Roma

Per capire Roma, caro Migrante X, devi conoscere Federico Fellini. Il regista più romano di tutti, infatti, non era romano. La sua telecamera provinciale non è mai diventata «metropolitana». Nel film dedicato alla capitale, intitolato proprio Roma, la visione provinciale di Fellini diventa allegoria  dell’illusione, della sorpresa della vita, del Sogno (S maiuscola). Roma è uno dei capolavori di Fellini. Il suo sguardo (ma sì dai! simile a quello di un migrante, di ieri e di oggi, perché no?) in questa scena clamorosa dipinge le strade di Roma come solo Fellini può fare. Una Roma folle, piena di «diversi e strani», accogliente come una prostituta, nevrotica e orgogliosa, Roma felliniana, fuori dalle righe, esagerata, affamata di tutto, grassa, sporca, meravigliosa città, barocca e surreale, una città per certi versi «africana», tutta da vedere: qui,


3. I soliti ignoti

I romani sono sempre stati poveri, altroché. Lo sono anche oggi. Caro Migrante X, non stare a sentire quello che dicono. Essi, come tutti i poveri, sono anche bugiardi, bugiardissimi. La povertà e la miseria (sorelle gemelle del cinismo altezzoso tutto romano) e la fame atavica, inestinguibile e proletaria, sono i tratti del romano, non si discutono; sono i tratti di Roma. Una città che ha sempre fame, una città sempre povera (anche quando è ricca, anche quando sembra ricca), una città che, quindi (povera e affamata) è sempre stata una città ladra, bugiarda e piena di ladri e di bugiardi. A questo proposito (a proposito cioè di ladri) esistono decine e decine di film ambientati a Roma; tu, caro Migrante X, vediti questo pezzetto dai I soliti ignoti di Mario Monicelli ambientato nella borgate romane, qui



4. La grande bellezza

Oggi i registi vedono Roma come un mistero: un enigma che non si può risolvere. Ci passano dentro e restano stupefatti dalla sua bellezza. Ogni ripresa segna (o simula) un’incomprensione, uno smarrimento, un mistero. I registi hanno paura di Roma. La grande bellezza di Paolo Sorrentino, per esempio è un film eccellente da ogni punto di vista. Guarda qui:



Non è un film su Roma ma è un film che ha paura di Roma, perché Roma è diventata, d’improvviso, decadente e decaduta: «pericolosa». Non c’è da scandalizzarsi, caro Migrante X, perché oggi Roma fa paura un po’ a tutti. Fa paura ai politici che fanno a gara per non governarla. Fa paura agli artisti che si girano dall’altra parte per non guardarla. Fa paura a chi la vuole fare rimanere così com’è ma non ci riesce. Fa paura a chi la vuole cambiare ma non sa come farlo.

Roma, intanto, sta lì. E aspetta.

Come ti dicevo, «spiegare Roma» è difficile, quasi impossibile, caro Migrante X, perché non esiste una sola Roma. Roma è, ancora oggi tante cose: una città ladra e affamata, che ruba e truffa con cinico orgoglio; una città coraggiosa e tenace, che combatte le ingiustizie e spesso perde; una città povera e miserabile, che si espone con le sue illusioni e speranze; una città feroce, tutta «sgangherata», che ha paura e che fa paura a tutti.

Una città migrante?
Una città che aspetta.
Tante cose, tutte diverse.

https://www.ritornoinsenegal.org/blog_article/roma-spiegata-ai-migranti-2/.


7 Comments

Card small 1 propaganda e arte nella fotografia sovietica nbsp

giovannadarco

September 17, 2018 at 08:58

Davvero una guida lontana dai luoghi comuni e per questo capace di introdurre con leggerezza e profondità in una dimensione urbana 'sgangherata' come scrivi. Molto bella!

Card my life through a lens 110632

CommonADA

September 17, 2018 at 13:13

Amo Roma citta' che visito spesso -- mi sono appassionata a leggere quest guida fatta di riflessioni profonde e curiose osservazioni -- caro Migrante X Roma e' proprio cosi'... benvenuto in questa realta' sgangherata ed eterna -- Grazie a Gianmarco per questa inaspettata passeggiata

Card rosso

Gianmarco Mecozzi

September 17, 2018 at 14:17

Grazie mille! Vi segnalo che mi era sfuggito un pezzetto subito dopo il video del film di Sorrentino e che ora ho aggiunto. Un breve paragrafo… Ciao.

Anonymous avatar

Anonymous

September 17, 2018 at 14:33

Bellissimo articolo... veramente complimenti a chi lo ha scritto...

Card img 20160919 225613 processed

Rankis

September 17, 2018 at 15:02

Anche un albertone, una magnani ed un moretti ci stavano bene... una sorta di narrazione della roma democristiana, proletaria popolare, radical chic di monteverde... ma comprendo che sarebbe stato lungo. Complimenti per l'articolo devo dire che l'ho letto (e visto i video) con molto piacere... e devo dire che l'idea di "presentare" Roma ad un Migrante X attraverso il cinema è una idea fantastica, che andrebbe coltivata oltre l'articolo... bella chiave ...

Anonymous avatar

Anonymous

September 17, 2018 at 19:16

sarebbe interessante sapere che altri film si potrebbero usare.... io ad esempio userei anche un bel "marchese del grillo" di quella Roma "francia o spagna purchè se magna" come dire, "l'asino va dove tira il padrone", la roma qualunquista, opportunista ed anche un pò "paracula" (furba) pronta ad andare con i francesi quando c'erano i francesi occupanti, tornare con i papalini quando tornarono i papalini... e giocare al gioco della rana (salta chi zompa) invece di fare la guardia al vaticano....che poi eccoli li i nobili decaduti romani... tornano anche nella "grande bellezza"... ricordano in parte lo sciancato della guardia papale... quella borghesia mischiata al popolino che sà di miseria intellettuale malgrado giacche, cravatte e attici al centro...insomma, caro Migrante X, se ti si presenta davanti uno che si fregia di essere Dottor, Ingegner, Mister... è sempre uno de Roma, "metà della roba che dice è fuffa"...

Card img 20180717 wa0002

Omega30

September 18, 2018 at 19:01

che bella questa storia... complimenti l'ho letta con passione...